Fotovoltaico: cosa, dove e perché. Le risposte alle vostre domande

Fotovoltaico. Se ne parla da anni ma pochi sanno di cosa si tratti veramente. E, soprattutto, quali benefici comporta la sua installazione. Vediamolo insieme.

Un impianto Fotovoltaico non è altro che un impianto elettrico risultante dall’assemblaggio di moduli fotovoltaici che sfruttano l’energia solare per produrre energia elettrica sfruttando, per l’appunto, l’effetto Fotovoltaico.
I moduli fotovoltaici –per la maggior parte disponibili in commercio in silicio mono e poli-cristallino- possono essere disposti su tetti, terrazzi, facciate o su qualsiasi altra pertinenza di una casa, oppure direttamente su terreno.
Evidentemente, la scelta della collocazione dei moduli non è totalmente discrezionale, ma dipende da aspetti quali: spazio disponibile, assenza di ostacoli che fanno ombra sugli stessi e corretta esposizione e inclinazione della superficie dei moduli, che in Italia è ottimale a Sud, e accettabile a Sud-Est o Sud-Ovest, sebbene con una ridotta perdita della produzione di energia.
L’installazione di un impianto Fotovoltaico porta numerosi benefici: la produzione di energia pulita e inesauribile -quella solare; un funzionamento sicuro, affidabile e silenzioso, e una bassa manutenzione.
Un altro vantaggio è dato dalla modularità dei sistemi fotovoltaici, che possono essere dimensionati secondo le singole esigenze e anche modificati in un secondo momento. In ogni caso, in media un impianto occupa circa circa 7-8 m2 per kWp di potenza nominale installata, a fronte di una produzione elettrica annua variabile in base a: radiazione solare incidente, orientamento e inclinazione dei moduli, assenza –o meno- di ombreggiamenti e prestazioni tecniche dei componenti scelti.
In generale, in presenza di un’installazione di un impianto fisso da 1Kwp di potenza nominale, con orientamento e inclinazione ottimali, assenza di punti ombreggiati, in Italia la produzione annua si aggira attorno ai 1.150-1.200 kWh/anno al Nord, 1.300-1.400 kWh/anno al centro e 1.500-1.600 kWh/anno. Nelle regioni meridionali.
Un investimento che darà vantaggi a voi, all’ambiente e che può durare fino a 40 anni. Con una garanzia fino a 10 anni sulla parte meccanica dell’impianto e 25 sulle prestazioni, su cui la riduzione delle prestazioni viene stimata attorno al -10% dopo i primi 10 anni e del -20% dopo 25.

L.S.

Forse ti potrebbero interessare anche