Riscaldamento, quando si può accendere nelle varie zone d’Italia

Con l’arrivo del freddo è arrivato anche il tempo di accendere il riscaldamento.

Dopo aver svolto i controlli sull’efficienza energetica e l’annuale manutenzione della caldaia è bene informarsi sulle date indicate per l’accensione del riscaldamento. E’ necessario al periodo di accensione delle caldaie perchè non è uniforme in tutta Italia.

Il DPR 74/2013 ha apportato alcune modifiche alla durata di funzionamento durante l’inverno, che si differenziano in base alla zona in cui si risiede. Il nostro paese è infatti diviso in zone climatiche dalle quali dipende il primo giorno di funzionamento degli impianti di riscaldamento.

Le zone indentificate sono sei:

La zona A comprende i comuni di Lampedusa, Linosa e Porto Empedocle. Il riscaldamento può essere acceso dal 1° dicembre al 15 marzo per ore 6 giornaliere.

La zona B interessa le provincie di Agrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa e Trapani. Riscaldamento acceso dal 1° dicembre al 31 marzo per 8 ore.

Rientrano nella zona C le province di Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Imperia, Latina, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto. Riscaldamento acceso dal 15 novembre al 31 marzo per 10 ore.

La zona D comprende le province di Genova, La Spezia, Forlì, Ancona, Ascoli Piceno, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Macerata, Massa Carrara, Pesaro, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Siena, Terni, Viterbo, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Foggia, Isernia, Matera, Nuoro, Pescara, Teramo e Vibo Valentia. Riscaldamento acceso dal 1° novembre al 15 aprile per 12 ore.

Fanno parte della zona E le province di Alessandria, Aosta, Asti, Bergamo, Biella, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Novara, Padova, Pavia, Sondrio, Torino, Varese, Verbania, Vercelli, Bologna, Bolzano, Ferrara, Gorizia, Modena, Parma, Piacenza, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Rovigo, Treviso, Trieste, Udine, Venezia, Verona, Vicenza, Arezzo, Perugia, Frosinone, Rieti, Campobasso, Enna, L’Aquila e Potenza. Qui il riscaldamento può essere acceso dal 15 ottobre al 15 aprile per 14 ore.

Infine la zona F riguarda le province di Cuneo, Belluno e Trento. In quest’area non ci sono limiti di utilizzo.

Forse ti potrebbero interessare anche